enrico_greppi_bandabardo_utopia_concreta_canzoni_del_poeta_fricchettone_erriquez_folk_rock_italiano_firenze
🎥#elettritv📲💻Ci ha lasciati Enrico Greppi ideologo e fondatore insieme ad Alessandro Finazzo della Bandabardò nata nel 1993, Erriquez come tutti lo chiamavano, trasformava in canzoni l’Utopia concreta sulla Terra, proprio per questa rivoluzione fatta di note musicali ribelli, amore universale e liberta’ creativa la Bandabardò non e’ mai stata presa in considerazione quanto avrebbe dovuto nei principali circuiti mediatici compresa la televisione di Stato italiana RAI fagocitata dai meccanismi del marketing pubblicitario, la Bandabardò non ha mai suonato dopo il Tg in prima serata quando gli indici di ascolti sono i piu’ alti, neanche una volta ospiti di Vittorio Mollica, così che tutti i cittadini della Repubblica italiana multiculturale avrebbero potuto apprezzare il talento di Enrico Greppi e di tutti i musicisti della Bandabardò; Finaz – Alessandro Finazzo – voce, chitarra acustica e semiacustica, mandolino, Donbachi – Marco Bachi – basso, contrabbasso, Orla – Andrea Orlandini – chitarra, tastiere, Nuto – Alessandro Nutini – batteria, Ramon – Jose Ramon Caraballo Armas – percussioni, tromba, Pacio – Federico Pacini – tastiere, Cantax – Carlo Cantini – fonico. Uno dei motivi il modello di societa’ anticoformista oltre le logiche di mercato che la Bandabardò rappresentava, proprio per queste irriverenze e disubidienze creative fuori dagli schemi, la Bandabardò come il circuito musicale del sottosuolo indipendente dalle multinazionali, e’ stata esclusa volutamente da chi controlla le strategie psicologiche di sistema, politico economiche nella musica, che preferisce i modelli commerciali anglofoni, oggi prodotti dai talent show o decisi dalla trilaterale. La Bandabardò rimane sconosciuta a molte persone, come sconosciuto e’ il nuovo genere musicale, combatfolk – folkrock , del quale sono stati precursori insieme ai Modena City Ramblers tra gli anni 90 e il nuovo millennio, di cui hanno rappresento il maggiore riferimento in Italia, sino ad una maggiore notorieta’ nell’era dei social.
Avevano festeggiato il 25° anniversario della nascita della Bandabardò, al Nelson Mandela forum a Firenze il 7 dicembre 2018 dove ha partecipato anche Piero Pelu’ che ha raccontato [VIDEO] quando nel 1993 presendandosi allo studio di registrazione chiese: «Posso mettere la voce su I W Fernandez? la regia – ricorda Piero Pelu’ – era con una sola cassa un mixer e un microfono, quando uno crede che la tecnologia debba essere infinita, sono le idee che contano». Alla Grande festa per i 25 anni di attivita’ avevano partecipato, Tonino Carotone, Carmen Consoli, Max Gazzè, Piero Pelù e i Modena City Ramblers che per l’occasione sono tornati a cantare con Cisco.

«Grazie di cuore per quello che hai lasciato per rendere piu’ colorato e umano il pianeta Terra»

La lettera di Enrico Greppi:

“Ogni storia ha una sua vita e ogni vita ha mille storie.
La mia vita è stata musica che accade, incontri di popoli, magie, racconti, mille soli splendenti e vento in faccia.
Non ho rimorsi, non ho rimpianti, la mia vita è stata tutta un’avventura.
Finalmente, dopo tanto inutile errare, ho trovato la donna perfetta e l’ho sposata, rendendola mia per sempre, la mia compagna di vita, di viaggio e di sogni, la mia migliore amica, la mia donna, mia moglie Silvia a cui devo tanto, a cui devo tutto.
Sono padre felice di un figlio strepitoso, il migliore che si possa desiderare, con il sorriso più bello del mondo. Rocco.
Ho goduto abbestia con i migliori compagni potessi avere, la mia Banda del cuore, la nostra creatura meravigliosa dai mille colori.
In questo grande girotondo saluto e ringrazio tutti quelli che mi hanno amato e tutti quelli che ho amato, i nomi sono tanti, voi sapete chi
Un abbraccio che circonda!
Aloha!!!”
(Erriquez)

Erriquez cantava al Concertone del 1 Maggio del 2016 «Sono fuori dal coro, nettamente diverso le mode se ne vanno, io resto! e manifesto!» insieme ad una band speciale dove suona il bassista della Bandabardò Marco Donbachi Bachi, con strumenti costruiti artigianalmente con materiale riciclato dai rifiuti, La Gaudats Junk Band nata Capannori uno dei comuni piu’ virtuosi nella strategia rifiuti zero della Toscana, dove lo stesso Marco Bachi e’ consigliere comunale dal 2019

>> http://www.elettrisonanti.net/2016/11/22/gaudats-junk-band-musica-a-5-r/

I W FERNANDEZ

[TESTO] di Alessandro Finazzo e Enrico Greppi

Non posso stare in casa a pensare
Fuori è tornata la gioia di urlare,
Mi troverai a girare le piazze e gridare:
I viva Fernandez!
Versa da bere ad un innamorato
Un giorno sarò ricco e ti farò regina dei fiori;
Versa da bere a un povero assetato
Povero da poeta, ricco come un gabbiano
Che vola sulla vita con la sua fantasia.
Non posso stare in casa a pensare
Fuori è tornata la gioia di urlare,
Mi troverai a girare le piazze e gridare:
I viva Fernandez!
Versa da bere ad un albero sradicato
Spostato dai venti e dalla curiosità
Un nomade in amore ed in felicità.
Così parlava il vecchio fricchettone
Il re dei maghi e delle magone:
è una preghiera, io non voglio denari
Solo vino, allegria, il calore delle mani

No comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

css.php